Segui i risultati in diretta

Domenica 4 maggio si vota in 6 comuni del Trentino e in 5 dell’Alto Adige per eleggere sindaci e consigli comunali. In Trentino i comuni interessati sono Levico Terme con 7.231 elettori, Transacqua dove gli elettori sono 1.983, Valfloriana con 505 elettori, Vermiglio dove gli aventi diritto al voto sono 1.789, Vigolo Vattaro con 1.909 elettori e Villa Lagarina, dove i votanti sono 3.079.
In Alto Adige si vota a Brunico, 12.499 elettori, Fiè allo Sciliar, 2.684 elettori, Ponte Gardena dove gli aventi diritto sono 140, Sluderno, 1.653 elettori e Tesimo con 1.535 elettori interessati.
In tutti i comuni si vota nella sola giornata di domenica 4 maggio dalle 07.00 alle 22.00. Gli eventuali turni di ballottaggio sono previsti per domenica 18 maggio.
Lo spoglio delle schede comincerà lunedì 5 maggio alle 07.00. Sul sito della Regione, (www.regione.taa.it) sotto la voce elezioni, sarà possibile consultare l’affluenza, alle 11.00, 17.00 e 22.00 ed i risultati finali.
Percentuale votanti
Villa Lagarina: 66,00% (71,35% nel 2010)
Risultati Ufficiosi
Sezione 3 – Romina Baroni voti 242 (58,88%) – Julka Giordani voti 169 (41,12%) – Schede Nulle 14 – Schede Bianche 1
secondo aggiornamento:
Sezione 2 + 3 – Romina Baroni voti 692 (57,67%) – Julka Giordani voti 508 (42,33%) – Schede Nulle 23 – Schede Bianche 10
terzo aggiornamento:
Sezione 1 + 2 + 3 – Romina Baroni voti 1.110 (55,95%) – Julka Giordani voti 874 (44,05%) – Schede Nulle 36 – Schede Bianche 12

In Punta di Spillo

Abbiamo letto il programma elettorale di Julka Giordani.Logo_VLInsieme2014_300x300

Alcuni passaggi meritano un commento e di fare chiarezza.

Julka Giordani: “… vengano sciolte tensioni e incomprensioni presenti sia nei rapporti interpersonali che tra le associazioni…”

Romina Baroni: fa piacere che dopo nove anni chi ha menato fendenti a destra e manca – mascherando spesso l’attacco personale con motivazioni politiche e inondando le bussole dei cittadini con lettere e fogli vari – ora adotti la nostra stessa linea della buona politica e buona convivenza!


Julka Giordani: “… affidare il nostro paese nelle mani di persone lontane dal professionismo politico…”

Romina Baroni: come non ricordare che Julka Giordani, al pari del padre Sandro – tutt’oggi vera anima dell’opposizione e grazie alle dimissioni del quale nel 2010 è entrata in Consiglio comunale – è militante attiva di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL), e che nelle due liste che l’appoggiano figurano alcuni candidati di appartenenze politiche disparate. Non usiamo il civismo come foglia di fico.


Julka Giordani: “… il progetto di teleriscaldamento (…) così come approvato dalla maggioranza, non è sostenibile, né dal punto di vista tecnico né da quello economico…”

Romina Baroni: il progettista è un professionista che vanta nel suo curriculum la progettazione e realizzazione di impianti in tutta Italia. Non sappiamo invece quale sia l’esperto di Julka Giordani. I calcoli tecnici eseguiti rigorosamente, determinano una copertura del 90% del fabbisogno degli edifici comunali grazie al calore in esubero della cartiera. Come tutte le opere pubbliche il contributo della Provincia sarà determinante e in ogni caso a regime il risparmio per le casse comunali è di oltre 100.000 euro ogni anno. Questi sono i dati progettuali, il resto chiacchiere da bar.


Julka Giordani: “… la frazione di Piazzo dispone di un terreno agricolo di quasi 2000 mq a Pedersano (…) lascito agli usi civici del paese (…). Questi terreni potrebbero essere venduti dal Comune e il ricavato investito esclusivamente su Piazzo…”

Romina Baroni: i beni di uso civico sono alienabili solo se il ricavato è reinvestito a beneficio dello stesso uso civico, e non quindi banalmente per opere pubbliche. Credo sia evidente a tutti quanto sia irrisorio per le sorti di Piazzo il ricavato dell’eventuale vendita di tale superficie costituita da una somma di particelle di scarsissimo valore (rampe e incolti). Stiamo invece valutando l’inserimento di quei terreni nel progetto di sviluppo dell’apicoltura.


Julka Giordani: “…Pedersano: nuova idea per la zona cerniera…”

Romina Baroni: Comunità Attiva ha a lungo osteggiato il nostro progetto promettendo di lasciare il campo sportivo nella sede attuale. Ora improvvisamente fa una capriola e tira fuori una proposta che più che “una nuova idea” è una semplice copiatura del disegno originale, con alcune varianti peggiorative.

Infatti i nuovi edifici previsti nella parte sud dell’area hanno la funzione di: raccordare e completare il centro storico; creare una quinta sulla futura piazza che altrimenti sarebbe solo un banale slargo; consentire all’imprenditoria privata di aprire servizi importanti quali un bar, un ristorante, un giornalaio, un bancomat, etc.

La prosecuzione naturale di via Moro consente di completare la viabilità esistente e superare una situazione di fatto assurda, l’avere una via cieca. La controproposta di Julka Giordani va in realtà a salvaguardare unicamente l’interesse privato di qualche residente a scapito di quello collettivo oltreché della sicurezza.

Per quanto riguarda il campo da pallacanestro/pallavolo, è stato previsto di collocarlo nel nuovo parco urbano pubblico posto sopra la chiesa: l’immediata realizzabilità del parco significa anche una altrettanto imminente messa a disposizione del campo polivalente.


Julka Giordani: “… per Bellaria deve essere valutata la fattibilità di idee di rilancio, quali il laghetto di pesca sportiva, mentre per la zona di Cei sono urgenti interventi (…) tra cui: la realizzazione di servizi igienici, la demanializzazione delle spiagge per rendere possibile il percorso circumlacuale…”

Romina Baroni: anacronistico e irrealizzabile in unarea protetta il laghetto per la pesca sportiva, idea che risale tra laltro al lontano 1995 e che viene riproposta quasi ventanni dopo! Per quanto riguarda la demanializzazione, è una competenza in carico alla Provincia che ha già tentato di perseguire tale strada trovando l’opposizione di tutti i proprietari interessati che hanno presentato ricorso. IAbbiamo sempre seguito la questione e sollecitato la Provincia a procedere.


Julka Giordani: “… la precedente amministrazione aveva promesso 8000 presenze annue al lago di Cei (vedi relazione al bilancio 2011)…”

Romina Baroni: un abbaglio!né in quella relazione né in quelle successive abbiamo mai “sparato” quella cifra. Da sempre siamo fautori di un turismo “soft and green” per Villa Lagarina e ne parliamo diffusamente sia nel programma elettorale 2010 che in questo del 2014.


Julka Giordani: “… i bambini dell’asilo di Pedersano devono poter accedere al parco in progetto presso la chiesa senza attraversare una strada…”

Romina Baroni: come evidenziato nell’immagine tridimensionale pubblicata sul nostro programma a pagina 50, l’attuale stradina tra scuola materna e parco verrà completamente pedonalizzata. La creazione di un capiente parcheggio a monte consentirà l’accesso all’area solo a piedi. La fruizione dellintera area sarà resa più sicura grazie allintervento della Provincia che posizionerà un semaforo a chiamata per l’attraversamento della provinciale e realizzerà il marciapiede.


Julka Giordani: “… in collaborazione con la Provincia e la Comunità di Valle, molte cose positive sono state fatte negli anni a sostegno degli anziani come il Centro Famiglia 180°…”

Romina Baroni: in effetti molte cose positive le abbiamo fatte, tuttavia il Centro Famiglia 180° – come sanno benissimo le numerose famiglie che ne beneficiano – è un luogo dedicato ai bambini dai 3 agli 11 anni e non certo agli anziani. Forse un altro abbaglio! ma certo la prova di quanto poco Julka Giordani conosca il territorio in cui abita.


Julka Giordani: “… tutti i percorsi assistenziali devono essere coordinati dalla Comunità di Valle…”

Romina Baroni: nel corso di tutta la campagna elettorale Julka Giordani ha affermato l’inutilità delle Comunità di Valle mentre in ambito sociale ne reclama la funzione di coordinamento. Di più, nel momento in cui le comunità si costituivano, il suo gruppo politico presentava una mozione (che abbiamo respinto) con cui addirittura proponevano un ambito più piccolo dell’attuale: la Comunità della Destra Adige. Ma la confusione a volte è anche creatività!